giovedì 2 giugno 2016

L'inaugurazione de 


"GENT DE PRADIEVI - PRADLEVES E LA SUA GENTE. Storia e storie di una comunità alpina dalla fine del Medioevo al Novecento".






"GENT DE PRADIEVI - PRADLEVES E LA SUA GENTE.
 Storia e storie di una comunità alpina dalla fine del Medioevo al Novecento".


Qualche foto della location e dell'allestimento della mostra "Gent de Pradiévi - Pradleves e la sua gente. Storia e storie di una comunità alpina dalla fine del Medioevo al Novecento" a cura del Laboratorio di ricerca storica della valle Grana.







sabato 7 maggio 2016

Il nuovo lavoro del Laboratorio di ricerca della valle Grana



Domenica 29 maggio, presso la ex centrale “Galino” a Pradleves, alle 15.00, sarà inaugurata la mostra “GENT DE PRADIEVI – PRADLEVES E LA SUA GENTE. Storia e storie di una comunità alpina dal Medioevo al Novecento”.

La mostra è il risultato di tre anni di studi condotti dal Laboratorio di ricerca storica della valle Grana e racconta la storia della gente di Pradleves con particolare attenzione al rapporto con le risorse del territorio. L’impegno finanziario del Comune di Pradleves e dell’ecomuseo “Terra del Castelmagno” ha permesso di restituire ai Pradlevesi, e al pubblico più vasto, i risultati di questo lavoro.
Il percorso espositivo sarà ospitato in una sede di prestigio, la ex centrale “Galino”, importante testimonianza della cultura materiale dell’alta valle, in cui è ancora possibile osservare il maglio e la forgia della fucina seicentesca, il mulino a tre palmenti della seconda metà del Settecento e l’ex centrale idroelettrica del Novecento. Saranno queste testimonianze della cultura materiale, costruite nei secoli dai Pradlevesi, a guidare il visitatore in un percorso alla scoperta delle capacità di adattamento e innovazione di cui può essere capace una comunità alpina costretta a misurarsi con un ambiente spesso ostile all’insediamento umano.
I risultati del lavoro di ricerca storica sono sintetizzati in un allestimento che occupa tutte e tre le sale della sede espositiva, con un percorso che conduce il visitatore dalla fine del Quattrocento fino al primo decennio del Novecento. Dal periodo in cui San Pietro, Monterosso e Pradleves costituivano un’unica comunità, alla massima espansione demografica, quando la popolazione pradlevese raggiunse le 1.300 persone, con lo sviluppo del turismo prima della Grande Guerra.
La mostra si caratterizza anche per la sua multimedialità: saranno allestite alcune postazioni video con interviste ai conservatori della tradizione orale della Comunità, gli anziani. Attraverso la loro voce il visitatore potrà comprendere meglio alcuni aspetti della cultura e delle tecniche produttive di questa parte delle Alpi occitane. Foto, schede di approfondimento e interviste saranno consultabili utilizzando un tavolo touch-screen.


La mostra “GENT DE PRADIEVI – PRADLEVES E LA SUA GENTE. Storia e storie di una comunità alpina dal Medioevo al Novecento” sarà visitabile fino a settembre, la domenica dalle ore 15.00 alle 18.00. Dal lunedì al sabato aperto su richiesta contattando gentdepradievi@gmail.com (tel. 3396363846). Allo stesso indirizzo mail è possibile richiedere la visita guidata. 

sabato 13 dicembre 2014

Una ricerca sulla storia della Comunità di Pradleves, valle Grana, Cuneo.

 
Il Laboratorio di ricerca storica dell’ecomuseo “Terra del Castelmagno”, in collaborazione con l'amministrazione comunale, propone un lavoro di ricerca sulla storia della comunità di Pradleves. Una storia fatta di eventi, ma anche e soprattutto di persone: Vilo e frazioni, famiglie, emigrazione, contadini, carbonai e fabbri…, dalla fine del Medioevo al secolo scorso.
Un lavoro fatto da gente di Pradleves, per la gente di Pradleves e, speriamo, anche con la gente di Pradleves.
L’idea è quella di ricostruire la storia della Comunità attraverso documenti d’archivio, storie, fotografie, oggetti che dovranno essere organizzati in una mostra attraverso testi, ma anche interviste e filmati.
Il primo incontro organizzativo si terrà giovedì 18 dicembre, alle ore 21.00, presso i locali delle ex scuole di Pradleves.
Per info: diego.deidda@outlook.it, d.arneodo@tiscali.it



La piazza principale di Pradleves e la sede comunale alla fine del XIX sec.




lunedì 8 dicembre 2014

Riprende l'attività del Laboratorio di ricerca storica della valle Stura.

giovedì 6 novembre 2014

RIPRENDE L' ATTIVITA' DEL LABORATORIO DI RICERCA STORICA DELLA VALLE GRANA.

Martedì 11 novembre, alle ore 21.00, nel Centro d’incontro comunale di Valgrana, ripartirà l'attività del “Laboratorio di ricerca storica della valle Grana”. All’iniziativa possono partecipare tutti coloro che vogliono avvicinarsi alla storia del proprio territorio. L’attività del laboratorio si sviluppa, sostanzialmente, in una serie di incontri a cadenza quindicinale organizzati in forma seminariale e cioè con un coordinatore e con un'organizzazione del lavoro in gruppi. I soggetti delle ricerche saranno individuati a partire dagli interessi dei partecipanti.
Perché fare ricerca storica sul proprio territorio? Lasciamo alle parole dello storico inglese E. P. Thompson il compito di rispondere a questa domanda: "La storia offre alla gente la possibilità di capire i cambiamenti e gli sconvolgimenti che la coinvolgono in prima persona: guerra mondiale, emigrazione, espulsione dal ciclo produttivo in seguito allo sviluppo tecnologico, a trasformazioni del corpo sociale, come quello in atto nel ruolo dei giovani. La storia locale fa si che un villaggio o una città possano indagare la loro funzione nel corso delle specifiche evoluzioni subite mentre, il nuovo venuto, può evitare di sentirsi uno sradicato attingendo al patrimonio di conoscenze storiche personali” (E. P. Thompson). L’approccio storico, dunque, ci permette di dare una spiegazione del perché è successa quella cosa , in quel momento e in quel luogo.
IL primo ciclo di ricerche del Laboratorio della valle Grana si è concluso nel luglio del 2014 con la pubblicazione del saggio di D. Arneodo, B. Audello, V. Dabbene, G. P. Dadone, D. Deidda, “Lauze e lauzatìe a San Pietro Monterosso. Lo sfruttamento delle cave di ardesia in una Comunità della valle Grana. San Pietro Monterosso XVII-XX secolo” sul numero 3-4 di “Draios e Viol Quaderni degli ecomusei delle valli Stura Grana e Maira”, e con l’allestimento della mostra “Uomini e Pietre – Ome e Peire”, presso la sede espositiva dell’Ecomuseo “Terra del Castelmagno”, che, dal dicembre 2013 all’agosto scorso, ha registrato più di 2.000 visitatori.
I risultati del nuovo ciclo di ricerche potranno confluire nella stesura di saggi pubblicati su “Draios e Viol”, o essere resi pubblici attraverso l’allestimento di mostre sostenute dall’ecomuseo “Terra del Castelmagno”.

Per ulteriori informazioni ecomuseo@terradelcastelmagno.it, diego.deidda@outlook.it.

PIRAMIDE DELLE ETA'.  SAN PIETRO MONTEROSSO -1790
Presentazione dei numeri 3-4 di Draios e Viol a Vinadio, la ricerca storica dei laboratori di ricerca delle valli Stura, Grana e Maira con la musica occitana de "La Mesquia".
 — con MariaElena Rosso e Gloria Degioanni.

mercoledì 22 ottobre 2014

Venerdì sera, 24 ottobre, i Laboratori di ricerca storica degli ecomusei presentano i numeri 3 e 4 di "Draios e Viol" a Vinadio, in occasione della FIERO DI SANT.


Interverranno: Stefano Martini, Diego Deidda, Maria Elena Rosso, Davide Arneodo, Gloria Degioanni.

A seguire musica occitana con "La Mesquia".


h. 21.00, Salone parrocchiale, VINADIO